I dieci segreti

 


 


I segreti

Tutti i veggenti dichiarano di vedere la Madonna, di pregare con lei e di poterla toccare. Il motivo di queste apparizioni e' dovuto dal fatto che la pace del mondo e' in crisi e la Vergine ci invita alla riconciliazione e alla conversione. Per chi non crede, verra' lasciato un segno visibile sul luogo delle apparizioni, a Medjugorje, che sara' eterno, indistruttibile e visibile da tutti quelli che ci si recheranno. Ma quando il segno apparira' sara' troppo tardi per la conversione. Il tempo di grazia dato per la conversione e l'approfondimento della fede e' infatti quello che precede il segno.

Queste apparizioni sono le ultime apparizioni della Vergine sulla terra. Per questo sono cosi' lunghe e frequenti.

Mirjana dice:

Prima del segno visibile che sara' dato all'umanita', ci saranno tre avvertimenti al mondo. Gli avvertimenti saranno avvenimenti che succedono sulla terra. Mirjana ne sara' testimone. Tre giorni prima di uno degli avvertimenti essa informera' un sacerdote di sua scelta, il sacerdote scelto e' padre francescano Petar Ljubicie'. La testimonianza di Mirjana sara' una conferma delle apparizioni e un incitamento alla conversione del mondo. Dopo le ammonizioni, verra' il segno visibile sul luogo delle apparizioni a Medjugorje per tutta l'umanita'. Il segno sara' dato come testimonianza delle apparizioni e un invito alla fede.

Il nono e il decimo segreto sono gravi. Sono un castigo per i peccati del mondo. La punizione e' inevitabile, perche' non bisogna aspettarsi la conversione del mondo intero. Il castigo puo' essere diminuito dalle preghiere e dalla penitenza, ma non puo' essere evitato. Un male che minacciava il mondo, secondo il settimo segreto, e' stato cancellato grazie alla preghiera e ai digiuni, dice Mirjana. Per questo, la Vergine continua a invitare alla preghiera e al digiuno:
"Avete dimenticato che con la preghiera e il digiuno, potete allontanare la guerra, sospendere le leggi naturali".

Dopo il primo avvertimento, gli altri seguiranno entro breve tempo. Gli uomini cosi' avranno del tempo per convertirsi.

Questo tempo e' il periodo di grazia e di conversione. Dopo il segno visibile, coloro che resteranno in vita avranno poco tempo per la conversione. Per questo la Vergine invita alla conversione urgente e alla riconciliazione.

L'invito alla preghiera e alla penitenza e' destinato ad allontanare i mali e la guerra e soprattutto a salvare le anime.

Secondo Mirjana ci troviamo vicini agli avvenimenti predetti dalla Vergine. In nome di questa esperienza, Mirjana dice all'umanita': "Convertitevi presto, aprite i vostri cuori a Dio".

Oltre a questo messaggio essenziale, Mirjana dice di aver avuto, nel 1982, un'apparizione che getta raggi di luce sulla storia della Chiesa. Essa racconta un'apparizione nella quale Satana le si e' presentato con le apparenze della Vergine; Satana chiese a Mirjana di rinunciare alla Madonna e di seguirlo, perche' l'avrebbe resa felice, nell'amore e nella vita; mentre, con la Vergine, essa doveva soffrire, diceva lui, Mirjana lo respinse. E subito apparve la Vergine e Satana scomparve. La Vergine le disse, sostanzialmente, quanto segue: "Scusami per questo, ma devi sapere che Satana esiste. Un giorno si e' presentato davanti al trono di Dio e ha chiesto il permesso di tentare la Chiesa per un certo periodo. Dio gli ha permesso di metterla alla prova per un secolo. Questo secolo e' sotto il potere del demonio, ma quando saranno compiuti i segreti che vi sono stati affidati, il suo potere verra' distrutto. Gia' ora egli comincia a perdere il suo potere ed e' diventato aggressivo: distrugge i matrimoni, solleva discordie tra preti, crea ossessioni, assassinii. Dovete proteggervi con la preghiera e il digiuno: soprattutto con la preghiera comunitaria. Portate con voi dei simboli benedetti. Metteteli nelle vostre case, riprendete l'uso dell'acqua benedetta".

Secondo alcuni esperti cattolici che hanno studiato le apparizioni questo messaggio di Mirjana chiarirebbe la visione che ebbe il sommo pontefice Leone XIII. Secondo loro, dopo aver avuto una visione apocalittica dell'avvenire della Chiesa, Leone XIII introdusse la preghiera a San Michele Arcangelo che i sacerdoti recitavano dopo la messa fino al Concilio. Questi esperti dicono che sta per finire il secolo di prova intravisto dal sommo pontefice Leone XIII'.

LA VISIONE DEL PONTEFICE LEONE XIII

Il 13 Ottobre 1884 Leone XIII ebbe una visione mentre celebrava la Messa. Il Pontefice descrivendo con orrore questa visione disse che riguardava il futuro della Chiesa, un periodo di circa cento anni in avanti quando il potere di Satana avrebbe raggiunto il suo culmine. Di questo episodio sono note diverse versioni; in quella piu' comunemente accettata si dice che Leone XIII avrebbe sentito due voci: una dolce e gentile, l'altra roca e aspra. Gli parve che queste voci provenissero da vicino al tabernacolo. Subito comprese che la voce dolce e gentile era quella di Nostro Signore mentre quella roca e aspra era di Satana. In questo dialogo Satana affermava con orgoglio di poter distruggere la Chiesa, ma per fare questo chiedeva piu' tempo e piu' potere. Nostro Signore acconsenti' alla richiesta e gli chiese di quanto tempo e di quanto potere avesse bisogno. Satana rispose che aveva bisogno di 75 o 100 anni e un maggior potere su coloro che si fossero messi al suo servizio. Nostro Signore accordo' a Satana il tempo e il potere che chiedeva, dandogli piena liberta' di disporne come voleva. Leone XIII rimase cosi' scosso da questa esperienza che scrisse una preghiera in onore di San Michele per la protezione della Chiesa:

San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia, contro la malvagita' e le insidie del diavolo sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che il Signore lo comandi! E tu, principe delle milizie celesti, con la potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell'inferno Satana e gli altri spiriti maligni, che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime.

Il pontefice dispose che questa preghiera fosse detta alla fine di ogni Messa. Questa disposizione venne seguita fino agli anni '60, quando, con la riforma della Messa attuata dal Concilio Vaticano II (1962-65), la preghiera venne definitivamente soppressa dalla liturgia. Anche la Monaca di Dresda profetizza l'insediamento di Lucifero sulla terra. La veggente dice che cio' avverra' tra il 1940 e il 2010, quando "dominera' sulla terra la gerarchia satanica, guidata da un demone che parlera' la lingua di Attila, ma che indossera' le vesti di Cesare".